• Dott.ssa Giulia Marchesi

#LINSTAGRAMUSATOBENE : riflessioni


Ma, esattamente, cosa significa vedere il proprio profilo disattivato/bloccato da un giorno all’altro senza alcun preavviso?

È davvero così grave da attivare un’intera community e da mobilitare una sorta di rivolta dell’instagram?!

Sì, è davvero così grave ed ora provo a spiegarvi il perché.

I profili che sono stati disattivati (@Clitoridea, @le_sex_en_rose) o hanno avuto problemi (@Virgin&Martyr) non sono account creati per noia, per aumentare l’ego a suon di followers o per credersi chissà chi.

Sono profili dietro ai quali c’è un obiettivo ben specifico, un fine chiaro ed una voglia molto potente di cambiare le cose.

E soprattutto ci sono delle persone. Persone che hanno scelto di fare di un social un mezzo di comunicazione, in grado di divulgare e diffondere una cultura diversa, nuova, riguardo alla sessualità.

Persone che utilizzano tempo e risorse per creare post, stories, video: tutti contenuti non realizzati a caso o col fine di vendere una tisana dimagrante, ma con lo scopo di sradicare una cultura piena di tabù, di censure, di silenzi, di paure.

La volontà, per ognuno di questi profili, è di abbattere muri altissimi ed avvicinare le persone, rendendo accessibili informazioni e realtà, siano esse legate a sex toys, alla letteratura erotica, all’accettazione di sé e del proprio corpo, ad eventi, a consulenze specialistiche, al piacere, all’inclusione…

Per ognuno di questi profili, la divulgazione è un LAVORO.

Ed è un lavoro a tutti gli effetti, se impariamo a slegare il concetto di lavoro con lo stipendio fisso mensile.

Perché dietro ad ogni SINGOLO post c’è un pensiero: un’attenzione alle parole da utilizzare, alle immagini da mostrare, ma soprattutto all’utenza.

Perché se l’obiettivo è raggiungere le persone, ogni cosa deve seguire quell’intento.

Il linguaggio deve essere adeguato ma anche comprensibile, deve essere sincero ed onesto, non dev’essere giudicante né di parte, non deve far sentire qualcuno in difetto od in difficoltà, deve essere serio ma anche leggero e spiritoso, competente ma senza annoiare.

Il profilo che scegliamo di portare avanti deve comunicare qualcosa di importante per noi.

La voglia è quella di aiutare chi ci legge e di fornire strumenti in più per vivere la sessualità in maniera serena e responsabile.

Si crea così una community, fatta di condivisioni, di confronti, di messaggi in direct, di richieste e di sostegno.

E soprattutto si crea la RETE: il famoso #linstagramusatobene che io e @mammafrau tanto sosteniamo.

Eh sì, perché non c’è la ricerca ossessiva del follower, ma la ricerca di una rete che permetta di unire le forze, unire le professionalità (che sono molteplici) per creare qualcosa di grande e far nascere, perché no, delle collaborazioni.

Quindi NO, non si può pensare di eliminare un account da un giorno all’altro perché, come ha ben detto la mia adorata Claudia di @agit_p.o.r.n., è come chiudere il negozio di qualcuno all’improvviso, senza preavviso né motivazioni.

L’instagram per noi della “sessualità positiva” è un vero lavoro, un impegno, è tempo e soldi investiti.

Disattivare o bloccare qualsiasi account che abbia queste finalità è un danno per chi lo subisce, ma è anche una sconfitta per tutti.

Io mi sono sentita particolarmente colpita da quello che è successo (e che per fortuna si è risolto) perché è stato come colpire anche il mio lavoro… ho pensato subito a cosa avrei fatto se fosse successo anche a me e la reazione di pancia è stata la paura: sì, paura a postare, paura a scrivere parole sbagliate….

Ma non voglio (e non vogliamo!) sia così! I profili che trattano questi temi non possono e non devono avere paura, perché è proprio la paura che noi vogliamo sconfiggere!

E chi fa parte de #linstagramusatobene non accetterà mai che anche solo una di queste stanze della conversazione venga censurata.

Se anche tu sostieni queste parole, condividi questo articolo con gli #

#listagramusatobene

#lestanzedellaconversazionenonsichiudono

#instagram #censura #tabù #paura #blocchi #sessualità #sex #sesso #se4sexeducation #sexeducation #SE #rete #community #lavoro #impegno

33 visualizzazioni

© 2018 SE 4 Sex Education - Partita IVA 04207760234

SE è un marchio registrato - Privacy Policy - Cookie Policy

  • Facebook Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • LinkedIn Icona sociale